OLIMPIADI 2021: ALESSANDRO FABIAN PARTE PER TOKYO COME RISERVA DEL TEAM AZZURRO

Tokyo, 22 luglio 2021 – Dopo aver partecipato da protagonista alle Olimpiadi di Londra 2012 e Rio de Janeiro 2016, Alessandro Fabian andrà a Tokyo come riserva per la sua terza esperienza consecutiva ai Giochi.

La Federazione Italiana Triathlon e lo staff tecnico della Nazionale hanno infatti deciso che il campione padovano volerà in Giappone come terzo atleta italiano, pronto a subentrare nel caso di infortuni o impedimenti dei suoi compagni di squadra.

Fabian, 35esimo nel Ranking olimpico, in questo inizio di 2021 ha ottenuto un 17esimo posto alla World Cup di Arzachena, un 18esimo posto alla European Cup di Caorle e un 32esimo posto alla World Triathlon Championship Series di Leeds. Ora è pronto a supportare gli altri azzurri con il suo entusiasmo e la sua esperienza nelle gare olimpiche in programma domenica 25 luglio (gara maschile) alle 23.30 ora italiana e sabato 31 (staffetta mista) a mezzanotte e mezza.

Nonostante il dispiacere di non poter gareggiare come titolare, ci tenevo comunque ad andare a Tokyo per la mia terza spedizione olimpica consecutiva. Le Olimpiadi sono sempre un’emozione unica e non volevo mancare a questo appuntamento anche per onorare tutto quello che ho fatto nella mia carriera” – dichiara Alessandro Fabian – “E’ anche un modo per ringraziare tutte le persone che mi sono state vicine in questi mesi difficili, dalla famiglia al mio staff. Ho sempre rappresentato l’Italia e anche questa volta sarò in prima linea per il team azzurro”.

Testa alle Olimpiadi e all’Italia come sempre, quindi, ma non solo. L’atleta gestito dall’agenzia EIS non smette infatti di dedicarsi anche ai suoi progetti legati alla tutela dell’ambiente e al rispetto della natura: congedato dal Gruppo Sportivo Carabinieri, ha fondato una squadra, la «Elements», impegnata a pari livello a formare gli atleti e a sensibilizzare le persone all’importanza dell’ecosostenibilità. Poi nel 2019 ha dato il via al progetto “Elements Fury” che ha come obbiettivo proprio la sensibilizzazione alla salvaguardia del pianeta, mentre l’anno scorso è diventato capitano dei “Green Heroes”, un gruppo di atleti che vuole diffondere un messaggio di sensibilizzazione proprio su questi temi.